battaglia sacrosanta/fine?

12 novembre 2010

La detrazione del 55%per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici non è stata prorogata.

Dal sole 24 ore del 03 novembre ,(qui l’articolo)    “come evidenzia Stefano Saglia, sottosegretario allo Sviluppo economico, incaricato di occuparsi della questione: «Come ministero puntiamo alla proroga, che s’inquadra nelle politiche per l’efficienza energetica, anche perché non possiamo dimenticare gli obblighi europei” . Da una prima valutazione dei risultati si evincono due cose:  il ministero dello sviluppo economico (che ha un ministro solo da poche settimane)  non conta un accidente e tantomeno contano i numeri, che oramai tutti conoscono, che indicano questa misura come essenziale sotto il punto di vista  ambientale e dello sviluppo  economico.

questa decisione dimostra la assoluta distanza da parte di questa classe dirigente al governo (perchè quella all’opposizione, con tutti i suoi limiti, questa norma, l’aveva inventata) dalle tematiche che in tutto il mondo trascinano la ripresa. Siamo ancora impastoiati in ricette vecchie che non degnano l’innovazione di una minima considerazione. facciamo il ponte sullo stretto invece della banda larga, facciamo un piano per centrali nucleari (che se va bene funzioneranno tra 15-20 anni) e non cosideriamo il risparmio energetico come fonte immediata e disponibile.


materiali

9 novembre 2010

Allego qui il documento scaturito dall’assemblea programmatica di varese e quello scaturito dall’assemblea di roma.

Si tratta di materiali  che sono a disposizione di tutti  e sono il frutto delle assemblee programmatiche.   Sono facili da consultare e chi è interessato ai vari argomenti può scorrerli e accorgersi che, a scapito di molte polemiche a volte superficiali, c’è un partito che lavora.


battaglia sacrosanta/3

5 novembre 2010

si muovono le associazioni , qui l’intervento dell’ANIT che in alcuni passaggi è molto efficace:

Tuttavia risulta importante tenere conto dei numeri e dei risultati che si sono raggiunti:

  • 591.800 interventi di riqualificazione dal 2007 a maggio 2009 circa.
  • 4.418 GWh di risparmio energetico
  • 940.000 ton di CO2 non emessa
  • una foresta con 94.000.000 di alberi

battaglia sacrosanta/2

30 ottobre 2010

mentre il pd presenta un emendamento alla manovra di bilancio per rendere permanente l’agevolazione del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici in scadenza il prossimo 31 dicembre 2010; dal fronte governativo nulla si muove (a parte il bunga bunga)

Segnaliamo che all’interno del salone SITE A Roma, L’ENEA presenterà un bilancio sui tre anni di detrazioni fiscali;  aggiornamento del lavoro che si può facilmente trovare qui e che dimostra come questa misura, ricordiamo decisa dal governo prodi (ministro bersani), sia in tutti i suoi aspetti positiva per l’ambiente e per l’economia.


battaglia sacrosanta/1

8 ottobre 2010

Firma anche tu per prolungare le detrazioni del 55% per i lavori di efficienza energetica

Cosa sono le detrazioni del 55%?
La Finanziaria del 2007 ha introdotto la possibilità di beneficiare di detrazioni d’imposta per chi realizza interventi volti a migliorare l’efficienza energetica della propria residenza. In particolare si può chiedere la restituzione in cinque anni del 55% della spesa sostenuta per riduzione delle dispersioni termiche degli edifici, installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, installazione di caldaie a condensazione e costruzione di nuovi edifici ad altissima efficienza energetica.

Perchè sono importanti per l’ambiente?

Perchè ridurre il consumo di energia è il primo passo per ridurre le emissioni di CO2, prima ancora dell’incentivo alle fonti rinnovabili.

Perchè sono importanti per l’economia?
Perchè hanno permesso di dare impulso ad un settore per la maggior parte composto da piccoli artigiani, favorendo anche l’emersione del nero che spesso è collegato ai lavori di ristrutturazione ed edilizia. Il mancato introito da parte dello stato dovuto alle detrazioni è ampiamente ripagato dal fatto che molti lavori non sarebbero stati realizzati o non sarebbero stati fatturati.

Quando scadono?
Allo stato attuale si può usufruire delle detrazioni solo fino al 31 dicembre 2010. Per prolungarle, e magari farle diventare strutturali è partita una mobilitazione su vari fronti, industriali, associazioni di categoria e anche blogger.

Firmare adesso!
Sul sito lettera aperta al neo ministro per lo sviluppo economico in cui si chiede, alla luce dei risultati fin qui raggiunti dalle detrazioni, di prolungarle al più presto. Primi firmatari sono Giuseppe Civati, Roberto Codazzi, Eugenio Comincini, Leonardo Fiorentini, Marco Lamperti, Letizia Palmisano, Marcello Saponaro.


“ma quanti anni volete governare per che sia colpa vostra?”

30 settembre 2010

27/09/2010

27 settembre 2010

Bersani, il paese è bloccato attorno al problema personale del capo del governo

Dalle parole dell’avvocato Ghedini e del ministro Alfano si capisce benissimo quale, tra i cinque punti di programma di cui parlerà il presidente del Consiglio, sia quello fondamentale e che più interessa Berlusconi e il Pdl. Inutile che usino tanti giri di parole, che si citino le grandi riforme, che si mettano insieme tutti gli altri punti: da mesi il Paese è bloccato attorno al problema personale del capo del governo. A questo punto è bene che ci si chiarisca subito sul tema giustizia e sul significato concreto che dovrà avere la riforma perchè è chiaro che ciò condizionerà la situazione politica e legislativa. E’ ora che le Camere dicano se i cittadini sono ancora o no tutti uguali davanti alla legge, come prevede la Costituzione. E’ su questo punto che il Parlamento si deve esprimere con chiarezza.